Allerta Coronavirus, l’ipotesi: tutti a casa anche il Primo maggio

Angelo Borrelli

Allerta Coronavirus: anche tutto il mese di aprile e buona parte di maggio, con tutta probabilità, sarà da trascorrere all’interno delle mura domestiche. E’ questo, almeno, ciò che ha affermato il capo dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli. “Dobbiamo aspettarci di stare a casa anche il primo maggio”, ha infatti sostenuto questa mattina nel corso di un’intervista a Radio Capital.

“Bisogna andare avanti con il massimo rigore”, ha aggiunto. E nella stessa intervista Borrelli ha ipotizzato la fase 2 (ossia la convivenza con il virus, con una lenta e parziale riapertura delle attività) a metà maggio, anche se al momento non vi sono certezze in questo senso.

In tarda mattinata, interpellato su quanto dichiarato da Borrelli, il presidente lombardo Attilio Fontana ha aggiunto: “Non entro nel merito di queste scelte, mi affido agli scienziati che ne sanno più di me. Mi riferisco a quello che dirà l’Istituto superiore di sanità e ai nostri epidemiologi, ma è probabile che sarà così perché lo sento dire anche io da più parti”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.