Alt ai cani nel parco di Porlezza. «Colpa dei padroni incivili»

Ma insorgono gli animalisti

(f.bar.) Da una settimana, a Porlezza, è in vigore un’ordinanza che vieta l’accesso ai cani, anche se custoditi, nel parco di Porto Letizia. Chiara la motivazione: «Vengono lasciati liberi e incustoditi cani di varia grandezza che insudiciano provocando disagio e rischio per la cittadinanza».
Stop, dunque, alle passeggiate. «Purtroppo questa è una conseguenza dell’inciviltà imperante. I proprietari sempre più spesso non sono dotati degli strumenti per raccogliere i bisogni dei loro

cani. E sempre più spesso non se ne preoccupano – dice il sindaco di Porlezza, Sergio Erculiani – Abbiamo trovato escrementi anche nella zona giochi destinata ai piccoli. Non potevamo fare altrimenti». Da qui è scattato il divieto assoluto.
«Anche perché le multe ai possessori sono inutili. Ne avremo date un paio negli ultimi anni. È difficile intercettare i colpevoli». Questa decisione ha scatenato le polemiche delle associazioni a difesa degli animali e dei proprietari. «In tutta Italia si moltiplicano le iniziative a favore dei cani. Vengono aperte le porte di ristoranti, spiagge e ospedali – si legge in una delle segnalazioni arrivate in redazione – E questo è il trattamento che viene loro riservato a Porlezza». «In paese ci sono tanti prati e luoghi dove è possibile portare i cani. Invece che nei parchi comunali, dove ci sono anche i bimbi – replica il sindaco – Inoltre, soprattutto in estate ci sono fino a 15mila persone rispetto alle 4.700 del resto dell’anno. E non tutti si comportano in maniera civile. Attrezzeremo aree apposite».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.