Alvaro, pittore beato tra le donne

alt

Pozzoni pubblica una monografia in 250 esemplari numerati sull’artista

Un maestro lariano beato fra le donne. Apre il giorno di San Valentino, 14 febbraio, alle 17.30, la mostra “Le donne di Alvaro”, con disegni di Alvaro Molteni. La rassegna che apre nuove prospettive di studio in merito all’opera del maestro comasco è nella sede di via Maurizio Monti 41 del fotoeditore Carlo Pozzoni. In occasione dell’evento inaugurale verrà presentato il primo prezioso libretto della nuova collana “Le Anse”, serie di monografie a tema in 250 esemplari numerati, che parte

proprio con l’artista nel giorno del suo compleanno. Alvaro è infatti nato il 14 febbraio 1920. Allievo di maestri lariani quali Aldo Galli, Manlio Rho e Carla Badiali, voci di punta dell’Astrattismo geometrico comasco, è noto al pubblico solo da trent’anni a questa parte. È infatti del 1983 la sua prima personale, a cura di Luciano Caramel, alle Serre Ratti di Como.
Come precisa in uno suo scritto Elena Di Raddo, i lavori dedicati al tema femminile sono nel segno «di un’astrazione mentale della realtà, della quale non interessa la dimensione “narrativa”, quanto la sua più metafisica descrizione formale».
Tanto che «i nudi, tratteggiati delicatamente con la matita o definiti linearmente dal colore nero, fanno pensare ai busti di Arturo Martini, negli anni in cui metteva in discussione la natura stessa della scultura, definendola, appunto, “lingua morta”: una scultura il cui compito non poteva più essere, appunto, quello di descrivere il corpo, ma di darne un’interpretazione essenziale».
La mostra comasca rimarrà aperta con ingresso libero fino alla festa della Donna, 8 marzo, dal martedì al sabato dalle 15 alle 19.

Nella foto:
A sinistra e a destra, due lavori di Alvaro Molteni dedicati all’universo femminile. Sopra, un autoritratto del maestro comasco che si appresta a compiere 94 primavere

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.