Amburgo, un modello per Como. App compresa

alt Urbanistica in libreria
Città sviluppata e attiva, ma anche consapevole delle proprie radici, Amburgo può insegnare molto a Como. L’anno scorso l’Ordine degli Architetti ha scelto la metropoli tedesca per il suo prossimo viaggio di studio. Occasioni propedeutiche al tour, preziose anche per la cittadinanza comasca, sono state due conferenze introduttive nell’ambito del ciclo di conferenze “Frammenti del contemporaneo”, che hanno guidato alla scoperta della città anseatica che sorge sulla riva dell’Elba, per estensione seconda della Germania dopo Berlino.

Protagonista delle conferenze “Hammaburg – Hamburg. Nascita e sviluppo di una città-porto” e “HafenCity e IBA Hamburg 2013. Sperimentazioni sostenibili per abitare a consumo zero” in Biblioteca fu l’architetto comasco Matteo Moscatelli, che ha studiato a fondo il caso Amburgo. Tutto è nato in occasione di un itinerario di architettura contemporanea che Moscatelli ha preparato per una ricerca uscita sulla rivista specializzata “Area”. Ha preso in esame gli ultimi quindici anni di espansione urbana di Amburgo, per evidenziare il suo ruolo di città d’acqua che ha saputo vincere la scommessa della sostenibilità. Ad Amburgo, l’ecologia non è un concetto univoco, secondo Moscatelli. Ma ha molteplici declinazioni. Riguarda il consumo di suolo complessivo e anche la riqualificazione degli edifici esistenti. In generale, il modello Amburgo può essere un monito per Como: infatti la sostenibilità non è solo di tipo ecologico-ambientale ma anche di tipo economico e culturale. Elementi che possono convivere in modo virtuoso, nella città tedesca, dato che si cerca sempre di costruire preservando la memoria profonda del luogo. Gli edifici non sono cioè pensati come corpi estranei, ma manufatti che cercano di presidiare e tramandare l’identità urbana attraverso l’uso di materiali, forme e tipologie che ne rispettano le radici. Ora dal lavoro di Moscatelli, con contributi di altri ricercatori (Laura Andreini, Sara Benzi, Roberto Bosi e Jörn Walter) è nata una guida originale alla città tedesca intesa come modello urbanistico: è Amburgo uscita nella collana “On The Road” dell’editrice d’arte e architettura Forma, in vendita a 18 euro. È una serie di guide d’architettura che unisce al classico formato cartaceo l’applicazione per Ipad. Una parte iniziale, composta da tre testi critici, traccia il profilo storico e urbanistico della città. La selezione di 75 progetti, suddivisi in 5 itinerari, fornisce un quadro approfondito dal punto di vista prettamente architettonico, offrendo la possibilità di soffermarsi sugli aspetti funzionali, tipologici e compositivi degli edifici, resi ancor più leggibili da immagini e disegni tecnici che corredano le schede descrittive. Il volume fornisce inoltre informazioni utili e consigli che renderanno la visita alla città “semplice”, ottimizzando i tempi per gli spostamenti e permettendo di carpire anche con poco tempo a disposizione l’essenza del luogo. Non solo quindi una guida d’architettura, ma anche e soprattutto un invito al viaggio. L’app, oltre ad avere tutti i contenuti del formato cartaceo, offre immagini e informazioni aggiuntive e, grazie alla mappa interattiva satellitare, diventa un utile strumento per orientarsi. È sul market App Store.

Nella foto:
scorcio della città-porto di Amburgo, al centro della guida urbanistica e architettonica proposta da Forma

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.