Ancora caos al pronto soccorso del Sant’Anna: due aggressioni e una guardia ferita

Due aggressioni in poche ore, una guardia ferita e caos per operatori e pazienti. Ennesima notte di violenza e follia al pronto soccorso dell’ospedale Sant’Anna, a San Fermo della Battaglia. Due pazienti, arrivati in momenti distinti ma entrambi visibilmente ubriachi, hanno dato in escandescenze e hanno così creato problemi e disagi non soltanto al personale ma anche all’attività della struttura di emergenza.
L’allarme è scattato una prima volta alle 22 di mercoledì sera. Un’ambulanza ha trasportato al pronto soccorso del Sant’Anna un uomo in preda ai fumi dell’alcol, colto da malore proprio per le conseguenze dei suoi eccessi. Una volta giunto in ospedale, il paziente ha dato in escandescenze e ha cominciato a inveire contro gli operatori sanitari, minacciandoli.
Solo l’intervento degli uomini del servizio interno di vigilanza ha evitato conseguenze peggiori. Le guardie, infatti, sono riuscite a bloccare e a tranquillizzare l’uomo, permettendo così ai medici di effettuare le cure del caso. Il paziente è stato poi dimesso.
Poco prima della mezzanotte, però, è scattato un secondo allarme per un uomo con disturbi di natura psichiatrica e a sua volta ubriaco. Arrivato al pronto soccorso di San Fermo della Battaglia, il paziente ha iniziato ad agitarsi e ha perso il controllo. La situazione problematica è proseguita fino alle 6 del mattino, con le guardie e gli operatori sanitari impegnati a cercare di tenere sotto controllo le reazioni dell’uomo ed evitare danni peggiori.
All’alba, però, il paziente ha perso completamente il controllo, ha aggredito una delle guardie colpendola con un calcio a una mano e provocandole conseguenze serie. Al pronto soccorso sono intervenuti anche gli agenti della Questura di Como e il paziente è stato bloccato e poi calmato.
Il vigilante dell’ospedale Sant’Anna è stato medicato al pronto soccorso, quindi dimesso.
«Ringraziamo sia gli agenti della vigilanza interna per il grande lavoro che svolgono quotidianamente – hanno fatto sapere i vertici dell’azienda ospedaliera Sant’Anna – sia le forze dell’ordine per la collaborazione costante. Purtroppo questi episodi si stanno ripetendo a distanza ravvicinata e sono sempre più frequenti».
Proprio nei giorni scorsi si è svolta una riunione mirata in Prefettura ed è stata disposta la creazione di un tavolo di lavoro permanente che vedrà riuniti insieme i rappresentanti delle forze dell’ordine e dell’ospedale lariano.
Un’attività analoga, ovvero un confronto su quanto accade sempre più spesso al pronto soccorso e su come affrontare le situazioni problematiche, è stata richiesta anche dai rappresentanti delle organizzazioni sindacali dei lavoratori del presidio ospedaliero di San Fermo della Battaglia.
Anna Campaniello

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.