Sport

Andrea e il sogno parigino: Arnaboldi al Roland Garros

altImpresa storica di Arnaboldi, il 26enne mancino di Cantù: è qualificato per il Roland Garros
Impresa storica per il tennis comasco.
Andrea Arnaboldi, mancino di Cantù, si è qualificato per la prima volta al tabellone finale di un torneo del Grande Slam.
Risultato che non ha precedenti nell’avventura del ragazzo brianzolo nel difficile mondo del tennis professionistico.
Arnaboldi, 26 anni, numero 174 delle classiche Atp, ha ottenuto il pass per il tabellone delle stelle del Roland Garros di Parigi – in sostanza, il campionato del mondo sulla terra rossa – vincendo le

qualificazioni e superando nell’ordine il francese Johan Sebastien Tatlot al primo turno (6-3, 7-5), il forte argentino di Mar del Plata Horacio Zeballos (già numero 39 al mondo) con un bel 4-6, 6-4, 6-1 e all’ultimo turno l’irlandese James McGee per 6-3, 6-4.
Un match, quest’ultimo, controllato dalla prima all’ultima palla ottenendo così per la prima volta nella carriera l’accesso al tabellone finale di uno Slam, quello che per intendersi avrà come prime quattro teste di serie nell’ordine Rafael Nadal, Novak Djokovic, nonché gli svizzeri Stan Wawrinka e Roger Federer. Il sorteggio andato in scena ieri pomeriggio a Parigi ha assegnato al mancino di Cantù la parte di tabellone presidiata da Rafael Nadal, ovvero quella alta.
La dea bendata non è però stata così malevola con il brianzolo, in considerazione ovviamente del livello senza eguali del torneo. Perché, infatti, all’esordio – che non avverrà oggi ma domani (il campo è ancora da decidere) – Andrea affronterà un altro qualificato, l’azzurro Simone Bolelli (oggi 151° dell’Atp, nel 2009 numero 36). Impegno difficile ma non impossibile.
L’emiliano infatti ha vinto gli ultimi due precedenti di questa stagione ed è dunque il favorito d’obbligo della vigilia, ma in semifinale al Challenger di Vercelli – match giocato solo un mese fa – il risultato finale in favore di Bolelli fu molto lottato (7-6, 4-6, 6-4). Insomma, a ben guardare ci sarebbe “spazio” per cercare l’impresa anche perché la pressione sarà tutta su Bolelli, tra l’altro noto in riva al Lario in quanto già vincitore anni fa del Challenger “Città di Como”.
In caso di vittoria, ma qui forse stiamo già correndo troppo, ad attendere Arnaboldi dovrebbe esserci la stella di David Ferrer, spagnolo e numero 5 al mondo, nonché vero e proprio esperto della terra rossa. Quello potrebbe essere un incontro programmato su uno dei campi principali del Roland Garros. Un vero e proprio sogno da vivere, ma prima ancora da raggiungere affrontando e cercando di superare Bolelli.
Quella in corso, comunque, può già essere considerata la migliore stagione da Pro del tennista canturino che proprio questa settimana – prima dell’impresa di Parigi – aveva potuto festeggiare il miglior piazzamento di sempre in singolo, la 174ª piazza del ranking Atp.
Graduatoria che ora verrà nuovamente migliorata proprio grazie alla qualificazione al tabellone finale di Parigi.
Arnaboldi, dopo esperienze di lavoro con coach spagnoli, dal giugno del 2013 ha deciso di abbinarsi con il tecnico bergamasco Fabrizio Albani.
E l’esito del connubio è nei numeri che in appena 12 mesi hanno visto il mancino brianzolo passare dalla 320ª piazza dell’Atp alle prime 200, poi addirittura in questa settimana alla 174ª.
La ciliegina della qualificazione al tabellone del Roland Garros pone infine lo slancio per un nuovo inizio di carriera a 26 anni. Che nel tennis non sono tantissimi, ma nemmeno pochi. Bravo, Andrea.

Mauro Peverelli

Nella foto:
Andrea Arnaboldi, nato a Cantù, mancino, ha 26 anni. È inserito nel circuito professionistico del tennis dal 2006. Non era mai riuscito a qualificarsi per il tabellone finale di uno dei quattro tornei dello Slam. C’è riuscito adesso, al Roland Garros
25 maggio 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto