Cronaca

Antiwriter, appello ai residenti per ripulire la città devastata

altAncora vandali scatenati in Cortesella: non c’è limite al degrado

Vandali sempre più scatenati in città, nonostante la buona volontà di alcuni cittadini, pronti a spedizioni di pulitura. A essere presa di mira, nei giorni scorsi, è stata una via del centro già flagellata. Ma su cui i maniaci della bomboletta sono tornati ad accanirsi, nottetempo e a più riprese. È l’antica via Vitani, nel quartiere della Cortesella, dove

sono ricoperti di scritte vari portoni d’epoca.
Contro i “soliti ignoti” tornerà in campo domenica in via Carducci e piazza Pinchetti, meteo permettendo, la task force del gruppo di volontari “Per Como Pulita”, già presente su Facebook e in corso di costituzione come associazione vera e propria. Il gruppo, formato da una decina di volontari, è già intervenuto un paio di settimane fa in via Carducci, dove ha dovuto anche restaurare pezzi di intonaco mancanti («È inutile andare dall’estetista se prima si deve passare dal dentista» dice la responsabile del gruppo, Anna Ballerini).
Armato di stracci, pennelli e solventi, il gruppo antiwriter sta crescendo: gli Scout lariani si sono ad esempio proposti per una giornata di pulizia. E presto partiranno campagne di sensibilizzazione nelle scuole del territorio e incontri con le istituzioni tra cui il prefetto Michele Tortora.
Il gruppo ha già ottenuto dall’assessore comunale Daniela Gerosa la promessa di un contributo di circa 2mila euro per acquisto dei solventi, comprati in Inghilterra al costo di 30 euro al litro. «Mi auguro di trovare la collaborazione di qualche colorificio», dice Anna Ballerini. «E dei condomìni, visto che finora abbiamo pulito solo pareti di edifici pubblici. Per aiutare i privati, abbiamo mandato lettere a tutti gli amministratori di condominio dando la nostra disponibilità alla pulitura, ma finora nessuno ci ha risposto. Comunque il messaggio più importante da far passare è che il centro storico è sacro e violarlo con la vernice è reato penale. Che, oltretutto, distrae fondi pubblici preziosi e danneggia l’immagine della città, facendole fare una pessima figura con i nostri turisti».
I graffiti più ostici, fa sapere il gruppo, sono quelli più vecchi e ricchi di colore. I prossimi interventi saranno via Vittorio Emanuele, piazza San Fedele e nel sottopassaggio di largo Spallino. Poi si procederà a una mappatura capillare del centro per programmare altre uscite.

Nella foto:
Le ultime devastazioni in via Vitani (foto Mattia Vacca)
22 marzo 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto