Anziani morti per Covid, ispezioni dei carabinieri in 18 strutture comasche

Palazzo di giustizia, tribunale di Como (via Cesare Battisti)

Il dramma nelle case di riposo, con le centinaia di vittime causate dal Covid-19, è sfociato anche in inchieste giudiziarie.
In provincia di Como sono 18 le strutture, 17 residenze per anziani e un ospedale, che sono state oggetto di ispezione dai carabinieri del Nas per accertamenti sulla diffusione del coronavirus, nell’ambito delle inchieste avviata dalla Procura lariana. La documentazione raccolta e l’esito delle ispezioni sono ora all’esame dei magistrati.

Nelle residenze per anziani coinvolte dalle indagini sono complessivamente 363 gli ospiti deceduti per il virus, come conferma il procuratore di Como Nicola Piacente. Al momento non risulterebbero persone iscritte nel registro degli indagati. Le indagini della Procura di Como non sono state al momento accorpate in un unico maxi fascicolo.

Le ipotesi di reato sarebbero epidemia colposa e, in presenza di denunce, omicidio colposo. I carabinieri del Nas hanno inoltre effettuato ispezioni in altre otto strutture nell’ambito delle attività ordinarie del nucleo dell’Arma e soltanto in seguito consegneranno gli esiti delle loro attività e indicheranno se siano state riscontrate eventuali notizie di reato.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.