Appalti contestati a Cantù, oggi al Tar la discussione
Cronaca

Appalti contestati a Cantù, oggi al Tar la discussione

Il Tribunale amministrativo regionale della Lombardia ha discusso ieri nel merito della questione che vede contrapposti il Comune di Cantù e il fratello del sindaco della città brianzola Il Tribunale amministrativo regionale della Lombardia ha discusso ieri nel merito della questione che vede contrapposti il Comune di Cantù e il fratello del sindaco della città brianzola

Udienza di merito, ieri mattina, al Tar di Milano per la vicenda che vede contrapposti il Comune di Cantù e l’impresa di pompe funebri di proprietà del fratello e della cognata del primo cittadino Edgardo Arosio.

Il Tribunale amministrativo ha preso in esame oggi il ricorso presentato dal Consorzio Canturino Pompe Funebri contro l’annullamento in autotutela dell’appalto che la stessa impresa si era aggiudicato prima delle elezioni del giugno 2017.

L’impresa dei familiari del sindaco aveva in gestione alcuni servizi funebri in città per conto del Comune. Un incarico che rendeva Edgardo Arosio ineleggibile.

Dopo il voto di giugno, l’appalto era stato revocato l’appalto in modo da sciogliere il nodo dell’ineleggibilità del sindaco.

Il fratello e la cognata di Arosio, però, avevano presentato ricorso al Tribunale amministrativo.

La sentenza dei giudici del Tar è attesa nelle prossime settimane. 

 

 

25 gennaio 2018

Info Autore

Dario Campione

Dario Campione dcampione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto