Appiano piange il rocker scomparso. «Ciao giovane talentuoso musicista»

Incidente mortale a Mozzate
La voglia di parlare è poca. Gli amici di Uriele Giovanni Di Leo si chiudono nel loro dolore e, in un silenzio che urla, pensano all’amico che ha perso la vita sulla Varesina, a Mozzate. “Ury” aveva 29 anni e viveva ad Appiano Gentile. Attorno alle 13 di domenica era in sella al suo scooter Aprilia. Per cause ancora in fase di accertamento da parte della Polizia stradale di Como, la moto è finita contro un’Audi A4. Alla guida un 47enne di origini rumene rimasto illeso.
Per il giovane
centauro invece non c’è stato nulla da fare. Uriele lavorava ad Appiano nell’officina di famiglia che si occupa della riparazione di motori elettrici. La sua passione era la musica. Due anni fa con un gruppo di amici aveva formato una band, i “Legittimo impedimento”, nella quale suonava la chitarra.
«Eravamo amicissimi, facevamo un sacco di cose. Quasi tutti i giorni stavamo insieme», ricorda Mauro D’Agostino, un componente del gruppo. «Era allegro – aggiunge Mirko Mandaglio, titolare di un pub di Cadorago dove la band spesso andava a suonare – Beveva la sua birra, rideva e scherzava sempre». Il pm Massimo Astori ha intanto aperto un fascicolo sull’accaduto, disponendo l’autopsia che è in programma per oggi. Soltanto dopo verrà dato il nulla osta per i funerali. Intanto su Facebook sono giunti ieri i saluti e l’abbraccio alla band da parte di amici, appassionati e altri gruppi: «Un saluto – scrivono alcuni di loro – a un giovane musicista talentuoso, simpatico, gentile, sorridente e a tutta la sua band».

Laura Omodei

Nella foto:
“Ury” alla chitarra: suonava con il gruppo dei “Legittimo impedimento”

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.