Apre il dormitorio, rimane l’emergenza senza tetto

Senzatetto

Ha aperto lunedì sera il nuovo dormitorio di Como, nell’ex caserma dei carabinieri in via Borgovico. Ma l’emergenza, in città, è tutt’altro che risolta. Passata la prima notte decine di senzatetto sono tornati ad accamparsi in due luoghi di Como investiti da anni dal fenomeno: i portici dell’ex chiesa di San Francesco e il porticato davanti alla basilica del Crocifisso.

E proprio su questa emergenza continua, lunedì sera è intervenuto in consiglio comunale, a Como, il consigliere di Svolta Civica Vittorio Nessi. «L’apertura, seppur tardiva, di un dormitorio in via Borgo Vico, grazie all’intervento diretto dell’Amministrazione provinciale, è un primo passo per affrontare un problema gravoso e complesso, che non potrà essere risolto con quest’unica iniziativa. Il dormitorio è necessario, ma da qui occorre proseguire». Svolta Civica suggerisce quindi un decalogo di interventi.


E se nella nuova struttura, lunedì sera, hanno dormito in pochi, il lavoro del Comune di Como, nei prossimi giorni sarà – in base all’esperienza delle associazioni che gestiscono “emergenza freddo” – anche quello di avvicinare direttamente molti di coloro che stazionano in strada e che non hanno presentato domanda per l’accoglienza. «I volontari sono già impegnati anche in questa attività», ha fatto sapere nelle ultime ore il Comune di Como.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.