Arabia Saudita: corruzione, rimossi alti funzionari

Tra loro anche membri della famiglia reale

(ANSA) – ROMA, 1 SET – Un certo numero di funzionari sauditi, compresi due membri della famiglia reale, sono stati rimossi dal loro incarico nell’ultima purga anti-corruzione del governo. Lo riferisce la Bbc online. In base a un decreto reale, il re Salman ha sollevato dall’incarico il principe Fahad bin Turki dal suo ruolo di comandante della coalizione militare guidata dai sauditi nello Yemen ed è stato sostituito da Mutlaw bin Salim, vice capo di Stato maggiore. Anche il figlio di bin Turki, Abdulaziz bin Fahad, è stato rimosso dalla carica di vice governatore. I due, insieme ad altri 4 funzionari, sono indagati per corruzione al ministero della Difesa, si legge nel decreto reale. Il principe ereditario Mohammed bin Salman, figlio del re e considerato il sovrano de facto dell’Arabia Saudita, sta guidando una campagna contro la presunta corruzione nel governo. Tuttavia, i critici affermano che gli arresti di alto profilo hanno solo lo scopo di rimuovere gli ostacoli alla presa del potere del principe. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.