Architetto condannato: «Risarcisca 520 mila euro»

SENTENZA A COMO
Sei mesi di condanna senza la condizionale e 520mila euro per le parti lese. È la sentenza di primo grado nei confronti di un architetto di Como. Secondo l’accusa si sarebbe procurato un «ingiusto profitto», inducendo ad acquistare alcuni locali di una prestigiosa dimora facendo credere che questi avrebbero potuto essere utilizzati a uso residenziale, quando invece il mutamento d’uso non era possibile.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.