Arianna Errigo, sfida iridata a Budapest

Arianna Errigo scherma

Una doppia sfida, contro le avversarie sulle pedane e con la Federazione. Arianna Errigo è pronta per la competizione iridata di Budapest, in cui gareggerà nella prova di fioretto. Proprio nella capitale ungherese Errigo nel 2013 conquistò ben due ori iridati, nella prova individuale e in quella a squadre, nel “dream team” con Carolina Erba, Elisa Di Francisca a Valentina Vezzali.
L’atleta lanciata ad alti livelli dalla Comense salirà in pedana per la competizione individuale il 19 luglio e il 21 e 22 tornerà a gareggiare a squadre con Elisa Di Francisca, Alice Volpi e Francesca Palumbo.
Una Arianna Errigo che giunge a Budapest poche settimane dopo il suo matrimonio con Luca Simoncelli e molto carica anche sotto il profilo emotivo. L’atleta 31enne, infatti, sta portando avanti la sua battaglia per poter partecipare alle Olimpiadi di Tokio 2020 non soltanto alla gara di fioretto, ma anche a quella di sciabola. Di fatto una “prima volta” per il mondo della scherma, dove i protagonisti sono da sempre specialisti in una singola arma.
Una decisione, quella di Arianna Errigo, che però non è stata digerita dalla Federazione italiana, che ha chiesto alla schermitrice di fare una scelta precisa. Il braccio di ferro è sfociato in un contenzioso. L’azzurra ne ha parlato in una intervista al Corriere della Sera. «Vorrei competere ai Giochi in due armi – ha dichiarato – Il progetto si lega a questo quadriennio. Dopo Tokio tornerò solo fiorettista».
«Come si poteva evitare il pasticcio? Parlandone – ha aggiunto – Io sono stata chiara. Se non mi hanno presa sul serio colpa loro. Non ho avuto un percorso facile, ho perso serenità ed energie».
Arianna, al di là di tutto, si è detta ottimista per la gara mondiale nella capitale magiara: «Dopo la delusione alle Olimpiadi di Rio de Janeiro rischiavo di smettere – ha concluso – Fare anche sciabola mi ha rigenerato. A Budapest mi sento da titolo».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.