Arresto Genovese: imprenditore, drogato se l’ho fatto

Interrogato da pm ribadisce suoi problemi tossicodipendenza

(ANSA) – MILANO, 18 NOV – Avrebbe di nuovo parlato dei suoi problemi dovuti alla dipendenza dalla droga e degli effetti che ha su di lui come perdita di "controllo" e incapacità di distinguere il confine tra "legalità e illegalità", Alberto Genovese, interrogato oggi per oltre 4 ora in Procura a Milano. L’imprenditore delle start up, in cella con l’accusa di aver stuprato, dopo averla stordita con un mix di sostanze stupefacenti, una 18enne ospite a un festino nella sua abitazione milanese, avrebbe spiegato che quando assume droga non è "consapevole" e che non riconosce "il disvalore" sue azioni. Sulla vicenda al centro delle indagini avrebbe aggiunto "se l’ho fatto, non ho fatto una bella cosa". (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.