Cronaca

Arrivano i carabinieri. Lo spacciatore scappa dai balconi

Rocambolesca fuga sui terrazzi del “Transatlantico” in via Sinigaglia
Un uomo che pericolosamente passa da un balcone all’altro, da un palazzo all’altro e i carabinieri dietro, quasi si trattasse della scena di un film o di una fiction d’azione.
Como è tornata un set cinematografico senza che nessuno lo sapesse? Neanche per idea. L’episodio a cui hanno assistito numerosi passanti venerdì era una complessa operazione dell’Arma di Como, conclusa con due arresti per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti oltre che di resistenza a pubblico
ufficiale.
Ora i fatti. I carabinieri del reparto operativo nucleo radiomobile e del comando provinciale da qualche giorno tenevano sotto controllo un palazzo. E non una casa qualsiasi, bensì il cosiddetto “Transatlantico” o meglio il Novocomum, uno degli edifici razionalisti più famosi al mondo, progettato e realizzato da Giuseppe Terragni nel 1927.
Ai carabinieri non interessava però l’architettura, bensì il sospetto viavai di persone, soprattutto giovani, alcuni dei quali noti assuntori di sostanze stupefacenti. Così, dopo i necessari accertamenti, venerdì è scattato il blitz in un appartamento al secondo piano dello stabile. «Carabinieri, aprite!» hanno intimato i militari.
Ma invece di aprire, le due persone che occupavano l’appartamento hanno ben pensato di resistere. O meglio, uno dei due 38enni si è barricato in casa, mentre l’altro, coetaneo e incensurato, si è improvvisato novello “Spiderman”. È uscito sul balcone e ha iniziato a scavalcare pericolosamente i divisori di vetro tra un terrazzo e l’altro. I carabinieri non sono certo stati a guardare. E, complice un addestramento che prevede molta attività fisica, non sono stati da meno dello spericolato fuggitivo.
Così, mentre in via Sinigaglia si erano radunati diversi passanti, l’uomo in fuga saltava addirittura sul balcone di un palazzo vicino. Proprio su quel terrazzo si concludeva però l’avventura del falso “Spiderman” tra le braccia dei carabinieri.
Durante la fuga l’uomo si era liberato di un bilancino di precisione e di altro materiale utilizzato per il confezionamento della droga.
Ma torniamo al 38enne rimasto nel suo appartamento. Alla fine i carabinieri sono riusciti a fare irruzione nei locali e a mettergli le manette. Nel corso della perquisizione sono spuntati 15 grammi di cocaina e alcune dosi di marijuana. All’inquilino di via Sinigaglia è stato contestato anche il reato di resistenza a pubblico ufficiale.
Entrambi ora sono al Bassone, palazzo che forse può apparire di stile razionalista, ma sicuramente è privo di balconi.

Paolo Annoni

Nella foto:
Il “Novocomum” – Il palazzo razionalista realizzato da Giuseppe Terragni nel 1927, teatro venerdì di un rocambolesco inseguimento di un uomo accusato di spaccio di sostanze stupefacenti (foto Fkd)
13 Mag 2012

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto