Arte europea allo Spazio Natta

Galleria immaginiItalia e Germania unite dall’arte e dalla cultura. Proprio quando i mondiali di calcio rievocano recenti e meno recenti battaglie a suon di pedate tra azzurri e teutonici, una mostra unisce Como alla Baviera. È la collettiva di un gruppo che si chiama significativamente come la città lariana, “Como”, ed è in corso fino al 15 giugno allo Spazio Natta di via Natta 18.

Dove tra l’altro è l’occasione anche per ammirare la bella installazione permanente di Marta Colombi – vincitrice del concorso per artisti emergenti “Co.Co.Co”  nel 2010 – nel cortiletto interno, un delizioso gioco di leggerezza e forme disegnate dal metallo, dal titolo “Profumo di Prato Valentino”.  Ma torniamo al gemellaggio. Che è tutto in chiave europea. A partire dal nome dell’associazione che lo promuove. “Como” è letteralmente etimo che richiama alla collaborazione, alla condivisione, alla comunità, e proprio da qui, nello spirito degli antichi “maestri comacini”, si sono mossi anche i 14  artisti internazionali in scena in via Natta, in gran parte gravitanti tra Colonia, Stoccarda e Monaco. Eccezione è colui che ha fatto da tramite per l’organizzazione dell’evento, l’italiano trapiantato in Svizzera Marco Mucha, già protagonista anni fa di una intensa personale al Chiostrino di Sant’Eufemia. Che qui ha dedicato alla Cattedrale di Como un’opera da non mancare: “Ombre sul Duomo”, un’originale rivisitazione di tarsie e altre forme di pietra dell’opera d’arte più importante del centro storico realizzata con un collage di incisioni la cui intensità poetica è direttamente proporzionale alla levità del segno e della composizione. Gli artisti del gruppo “Como” non hanno un manifesto da propagandare o una linea unitaria: è piuttosto una polifonia di segni e voci, che va dalla pittura polimaterica alla fotografia fino alla scultura. Da non mancare gli scatti “macro” di Andreas  Pütz-Sieberath, chedurante la permanenza in città ha dedicato al paesaggio urbano di  Como  decine e decine di scatti in vista di un futuro lavoro. Segno che il gemellaggio continuerà anche oltre il finissage. Ingresso libero, orario 15-19, sabato e domenica anche 10-13. Ulteriori informazioni su www.comoart.eu
Lorenzo Morandotti

GALLERIA (clicca su una immagine per visitare la Galleria)

[oi_gallery path=”cultura/arte_europea_natta”]

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.