Arte in foresta

alt

Iniziative – Il sentiero “Spirito del Bosco” sarà al centro della seconda edizione di “Forest Art”, happening che ospiterà anche il Carnevale di Schignano

Sarà il sentiero “Spirito del Bosco”, nella Foresta Regionale dei Corni di Canzo in Valle Ravella, al centro della seconda edizione di “Forest Art”, happening regionale di arte in natura, scultura lignea libera e Land Art, che per l’occasione ospiterà fra gli altri gli scultori delle maschere del celebre Carnevale di Schignano.
L’evento prevede infatti la realizzazione di opere d’arte lungo il caratteristico sentiero, nato nel 2008 in simbiosi con le magiche figure in legno poste

lungo il cammino, scaturite da radici e tronchi per mano dell’artista bergamasco Alessandro Cortinovis.
«L’happening di arte in natura Forest Art è un “parto” dello Spirito del Bosco», spiega Alessandro Rapella, responsabile dell’ufficio Ersaf di Lecco.
«Il sentiero in qualche modo ha fatto scuola ed è stato fruito da molte migliaia di persone di tutte le età. Numerose testimonianze di educatori ambientali e insegnanti parlano di esperienze profonde vissute dai visitatori», dice Rapella.
La gestione dell’Ersaf considera vivo e dinamico questo tracciato popolato da figure evocative e fantasiose: «Ci prendiamo cura della manutenzione, fino a quando il tempo prenderà il sopravvento ed il legno lavorato dall’uomo tornerà ad essere terra. Fa parte del processo naturale. Ogni anno cerchiamo di far nascere nuovi personaggi».
Sabato 31 agosto, dopo la presentazione alle 17.30 del progetto “Le Ossa della Terra” di David De Carolis, dalle 18 prenderà il via, lungo il sentiero Spirito del Bosco, l’allestimento delle sculture in concorso, con le votazioni del pubblico.
Domenica 1° settembre, fino alle ore 12, lungo lo stesso sentiero continueranno le visite alle sculture in gara e le votazioni, e alle 15 si terrà la premiazione delle opere.
Precisa Rapella: «Saranno presenti nove scultori che arricchiranno il percorso con nuove opere. I visitatori del fine settimana saranno chiamati a dare la loro preferenza. Da segnalare inoltre la presenza di due validi scultori dell’associazione Mascherai di Schignano che, oltre a realizzare volti lignei nel bosco, porteranno in esposizione alcune opere legate alla tradizione carnevalesca».
La stessa giornata prevede il workshop di arte ambientale “Le Ossa della Terra, tornare alla pietra”, con ritrovo alle 9.30 al parcheggio di Gajum. Il laboratorio propone la sperimentazione di modalità di relazione alternative con il territorio ed i suoi elementi insieme all’artista David De Carolis.
Il titolo si ispira all’analogia diretta fra la roccia ed il corpo umano contenuta nelle parole rivolte dalla dea Temi a Deucalione e Pirra dopo il diluvio, narrate da Ovidio: la grande madre era la Terra e le sue ossa erano le pietre, che raccolte e poi lanciate si trasformarono nella nuova stirpe umana. La partecipazione è gratuita, con un massimo di 20 partecipanti. Info e iscrizioni via mail all’indirizzo david.decarolis@me.com.
Durante la giornata a Prim’Alpe saranno attivi laboratori di scultura per tutti, a cura dell’associazione L’olmo d’oro di Carugate, e per i bambini sono previste animazioni teatrali a cura dell’associazione Melisandra (ore 10 e 15.30).
Per tutto il fine settimana l’antico alpeggio, oggi Centro di Educazione Ambientale dell’Ersaf, ospiterà il frottage “Poéme l’arbre”, opera di Francesco Bertelé realizzata su un tronco morto della Valle Ravella, e sculture di artisti vari.
«Il consiglio che diamo a chi si appresta a visitare il Sentiero – conclude Alessandro Rapella – è di entrarvi in silenzio, possibilmente da soli, con lo spirito di un bambino, osservando con calma il bosco ed abbandonandosi al magico mondo della foresta».
Informazioni: www.ersaf.lombardia.it. Possibilità di pranzo a Prim’Alpe domenica alle 13 (costo 25 euro a persona; prenotazioni al numero di cellulare 348.4516013 o via mail all’indirizzo di posta elettronica cuocozuccone@gmail.com).

Giuliana Panzeri

Nella foto:
Sopra, uno dei personaggi dello “Spirito del Bosco”. A destra, artisti al lavoro in Val Ravella

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.