Artigiani in Ticino, “aggirata” la legge anti-italiani
Economia, Territorio

Artigiani in Ticino, “aggirata” la legge anti-italiani

Meno padroncini. Più giorni di lavoro. La Legge sulle imprese artigiane (Lia), varata a ormai da oltre un anno per mettere un freno alla concorrenza delle imprese italiane, non è servita a frenare l’afflusso di manodopera straniera in Canton Ticino.
Sul sito dell’Ufficio cantonale di statistica (Ustat) sono stati pubblicati, martedì scorso, i dati sulle notifiche nei primi 9 mesi del 2017. A fronte di un crollo delle richieste dirette degli artigiani italiani (- 35,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente), sono state registrate molte più assunzioni “mediate” dalle agenzie di lavoro interinale: +17%, pari a 1.834 unità.
In buona sostanza, gli artigiani comaschi o varesini che prima dell’entrata in vigore della Lia notificavano direttamente alle autorità di Bellinzona i giorni di lavoro in Ticino (ne potevano fare 90 all’anno senza chiedere un permesso), oggi sono “assunti” con un contratto interinale. A conti fatti, l’incremento stimato dall’ufficio statistica ticinese è stato di 347 addetti a tempo pieno. Un aumento che compensa ampiamente il calo di 143 unità dei «prestatori di servizio indipendenti» e dei «lavoratori distaccati». In totale, nella tabella del lavoro notificato i giorni lavorati sono stati, da gennaio a settembre 2017, ben 545.194 contro i 534.216 nello stesso periodo dello scorso anno. Una crescita percentuale del 2,1 pari a 10.978 giorni.
Come sempre, la quota maggiore di lavoro notificato in Ticino riguarda il comparto dell’edilizia: oltre 102mila giorni, contro i 41mila circa dell’agricoltura, i 62mila del settore industriale e i 40mila del commercio.

6 Ottobre 2017

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto