Asilo Sant’Elia, successo per la petizione lanciata da Attilio Terragni

L'asilo Sant'Elia di Como, opera razionalista progettata dall’architetto Giuseppe Terragni

Asilo Sant’Elia, è partita a tutta velocità la raccolta firme intitolata “Oltraggio Terragni”. Voluta per chiedere «al Ministero dei Beni Culturali e alla Soprintendenza competente che il progetto globale coordinato di recupero dell’Asilo Sant’Elia di Giuseppe Terragni sia affidato a professionisti ed esecutori con le qualifiche professionali adeguate e le giuste credenziali atte a svolgere al meglio l’alto compito richiesto», come si legge nel testo della petizione. La polemica, che si consuma ormai da giorni, è nota: Attilio Terragni, pronipote dell’architetto Giuseppe Terragni cui si deve il monumento di via Alciato contesta la qualità dei lavori di restauro nella struttura. In particolare alcune vetrate che risulterebbero graffiate. Il Comune di Como ha deciso di sospendere cautelativamente il cantiere. «Sono commosso dai numeri della petizione – ha commentato Terragni – Dopo dieci minuti dal lancio abbiamo già superato le 50 adesioni». Sulla vicenda dei lavori spiega «a mio avviso, il Comune di Como sta gestendo in maniera anomala la questione». A non voler commentare è Vincenzo Bella, assessore ai Lavori Pubblici che si limita a dire «rimetteremo la questione nelle mani della Soprintendenza, dove, se saremo chiamati a farlo, daremo le nostre spiegazioni».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.