Assegnazione dei pass: «Procedura regolare, tutti erano stati avvisati»

La posizione di Como Servizi Urbani

Rispedite al mittente le proteste dei residenti. Il nuovo caso parcheggi e le relative lamentele sono immediatamente piombate su Como Servizi Urbani (Csu), già alle prese – in questi ultimi mesi – con diverse altre questioni legate alla sosta in città.
Ma dagli uffici della società che gestisce i parcheggi pubblici le indicazioni sono molto nette. «Il regolamento in materia parla chiaro. E non sono state apportate modifiche – fanno sapere i dirigenti di via Giulini – Non si comprendono

quindi le richieste da parte dei cittadini esclusi dall’assegnazione di posti auto nella cosiddetta Zona 3».
Va detto come siano circa una ventina le persone che si sono ritrovate, dopo alcuni anni, senza più un abbonamento per la sosta sulle strisce blu delle proprie auto.
«Abbiamo informato tutti gli interessati che non avrebbero più ricevuto, così come avveniva in passato, l’avviso di scadenza dell’abbonamento. E che non avrebbero più avuto per questo motivo il relativo bollettino da pagare nella cassetta della posta», aggiungono sempre da Como Servizi Urbani. Ma non solo.
«Chi inoltre rinnovava il contrassegno per il 2013 veniva avvisato di persona. E i nuovi utenti lo sapevano perché è tutto riportato in fattura. Diciamo che i cittadini si sono dimenticati di presentate, come previsto, regolare richiesta».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.