AstraZeneca o Pfizer? I chiarimenti di Asst lariana

Vaccino Astra Zeneca contro il Covid 19

AstraZeneca o Pfizer? Asst Lariana, sulla base delle indicazioni ministeriali e regionali, fa il punto sulle indicazioni da seguire nella somministrazione dei vaccini.
Asst Lariana ricorda che il vaccino a vettore virale Vaxzevria (meglio conosciuto come AstraZeneca) è quello offerto di routine ai soggetti di età uguale o superiore a 60 anni, ad eccezione dei casi rientranti nelle categorie degli estremamente vulnerabili e disabili gravi. A queste categorie è appropriato offrire un vaccino a mRNA cioè, allo stato attuale, i vaccini Comirnaty (cioè BioNTech/Pfizer) e Moderna.
I vaccini a mRNA sono inoltre offerti a tutti i soggetti di età compresa tra 16 e 59 anni (per Pfizer) e tra 18 e 59 anni (per Moderna). Per preservare il vaccino mRNA per i soggetti ad elevata fragilità e under 60, nelle fasce di età e condizione clinica in cui è raccomandato AstraZeneca, non è previsto che la persona possa scegliere un vaccino diverso.
«Gli operatori dei Centri vaccinali hanno l’obbligo e il dovere di fornire informazioni scientificamente corrette – spiega Asst Lariana – consapevoli che, anche per questa tipologia di vaccino (AstraZeneca), il rapporto rischio beneficio è a favore del beneficio e lo è sempre più al crescere dell’età».
Eventuali rifiuti al vaccino AstraZeneca potranno essere gestiti e riprogrammati solo al termine della campagna vaccinale, secondo le disponibilità di vaccini e sulla base di ulteriori eventuali aggiornamenti sul loro utilizzo.
Info al sito www.aifa.gov.it/farmacovigilanza-vaccini-covid-19.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.