Auto: +256% vendite in Europa, ma -22,7% sul 2019

Quagliano

(ANSA) – TORINO, 19 MAG – Nell’Europa Occidentale (Ue+Efta+Regno Unito) nel mese di aprile le immatricolazioni – secondo i dati dell’Acea, l’associazione dei costruttori europei – sono state 1.039.810, con una crescita a tre cifre sullo stesso mese del 2020 (+255,9%) che, però, era stato penalizzato dal lockdown. Rispetto allo stesso periodo del 2019 il calo è invece del 22,7%. Nei primi quattro mesi dell’anno sono state vendute 4.120.443 auto, il 23,1% in più dell’analogo periodo dell’anno scorso ma in calo del 25% sul 2019. L’Italia – spiega il Centro Studi Promotor – è il paese che, nel primo quadrimestre 2021, accusa il calo più contenuto. La contrazione rispetto allo stesso periodo del 2019 è del 16,9% contro il 21,5% della Francia, il 25,6% della Germania, il 34,2% del Regno Unito e il 39,3% della Spagna. "Da alcune fonti si apprende che il Decreto Ristori di imminente approvazione dovrebbe prevedere un congruo rifinanziamento proprio per gli incentivi per l’acquisto di auto con emissioni di CO2 da 61 a 135 gr/km. E ciò sia per la parte restante del primo semestre che per la seconda parte dell’anno" afferma Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor. Il gruppo Stellantis ha immatricolato in aprile 226.000 auto in Europa Occidentale (Ue+Efta+Regno Unito), in crescita del 358,2% rispetto allo stesso mese del 2020. La quota sale dal 16,9 al 21,7%. Nei primi quattro mesi dell’anno le auto immatricolate del gruppo sono 895.328 (+33,1% sull’analogo periodo del 2020) con una quota del 21,7% a fronte del 20,1%. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.