Auto nel lago, disposta l’autopsia per Tatiana. Il conducente in carcere al Bassone in attesa dell’interrogatorio

Incidente via per Cernobbio

La Procura di Como ha disposto l’autopsia per Tatiana Ortelli, la 24enne morta nella notte tra martedì e mercoledì nell’auto volata nel lago in via per Cernobbio.
Il conducente, Nikolai Saldarini, coetaneo della vittima, si è salvato ed è stato arrestato per omicidio stradale e guida in stato di ebbrezza. Il suo tasso alcolemico era oltre il limite consentito al momento dell’incidente e ora è in carcere al Bassone in attesa dell’interrogatorio. Le indagini sono affidate agli agenti della polizia stradale di Como, intervenuti dopo l’incidente, e sono coordinate dal sostituto procuratore Antonia Pavan. La Fiat Panda con i due ragazzi a bordo, entrambi residenti a Moltrasio, viaggiava in direzione Cernobbio quando il conducente ha perso il controllo, è andato contro il muro e poi ha sfondato il parapetto ed è volato in acqua. Nikolai è riuscito a uscire dalla macchina prima che sprofondasse in fondo al lago. Tatiana no. Il suo corpo è stato recuperato dai sommozzatori dei vigili del fuoco e ora sarà l’autopsia a far luce sui drammatici istanti nei quali è finita la sua vita. L’esame potrà accertare se avesse riportato traumi già nell’impatto contro il muro che potrebbero averle impedito di muoversi e uscire dalla vettura. La ragazza non sarebbe riuscita neanche a sganciare la cintura di sicurezza e sarebbe stata trovata bloccata sul sedile. I due ragazzi avevano trascorso la serata a Como ed erano stati fermati dalla polizia impegnata nei controlli per il rispetto delle norme per il contenimento dell’emergenza sanitaria. Erano a piedi e non erano state riscontrate irregolarità. Tatiana Ortelli lavorava come cuoca, Nikolai è un operatore socio sanitario ed è impegnato come volontario nella Croce Rossa e nella protezione civile. Dopo l’incidente avrebbe provato a liberare anche la 24enne, ma senza riuscirci. Ha gridato per chiedere aiuto, ma quando sono arrivati i primi soccorritori e lo hanno tirato fuori dal lago per Tatiana non c’era più nulla da fare.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.