Autostrada Varese-Como-Lecco. Tre comuni in “lotta”
Cronaca, Territorio

Autostrada Varese-Como-Lecco. Tre comuni in “lotta”

Orsenigo contro la bretella sul suo territorio. Il sindaco: «Utile un incontro con tutti i soggetti per confrontarci»

Tre Comuni divisi da una bretella stradale che dovrebbe nascere in un futuro decisamente non prossimo.

Si tratta infatti del collegamento tra l’ipotetica autostrada Varese-Como-Lecco (da tempo oggetto di discussione in Regione, ma su cui non esiste alcun atto concreto), e le provinciali che uniscono Como con Lecco e Bergamo. L’oggetto del contendere è il tracciato di questa striscia d’asfalto che a fasi alterne sembrava dover passare prima da Albese con Cassano, poi da Albavilla e come da ultima proposta – ancora nulla di definitivo è comunque ancora stato deciso – in prevalenza sul territorio del Comune di Orsenigo e in parte anche di Albavilla. Fatto, questo, che non sta bene al sindaco di Orsenigo, Mario Chiavenna.

L’oggetto del contendere non è tanto la bretella in sé, anche perché difficilmente questa mini infrastruttura vedrà la luce rapidamente, essendo collegata alla nascita dell’autostrada Va-Co-Lc, ma quanto sulle modalità con cui le altre amministrazioni hanno discusso dell’opera, evitando di coinvolgere in maniera adeguata Orsenigo. A giugno scorso infatti il sindaco di Albese con Cassano si era detto soddisfatto per le modifiche previste da Regione Lombardia a un primo progetto, che di fatto spostavano l’itinerario della bretella prevalentemente lungo le aree industriali di Orsenigo – tenuto all’oscuro – e di Albavilla.

«Oltre alle limitazioni derivanti dalla salvaguardia prevista dal tracciato autostradale, la realizzazione di questa bretella – spiega il sindaco Chiavenna – riduce ulteriormente le possibilità di pianificare lo sviluppo del territorio. A mio avviso il vero nodo della questione riguarda il sistema dei vincoli esistenti e troppo pesanti per noi. Infatti la nuova ipotesi al vaglio serve solo a eliminare il vincolo nell’area industriale di Albavilla e Albese con Cassano. Il tutto a nostro discapito. Noi rimarremmo così vincolati e loro non più».

Il rammarico è poi di non essere stati fattivamente coinvolti in ogni passaggio delle discussioni sul tema. «Si sta facendo un’operazione chiesta solo da un Comune, senza interessare le amministrazioni potenzialmente coinvolte – aggiunge il sindaco Chiavenna – Ripeto, non si discute della bretella ma del ridisegno complessivo del territorio e dei relativi vincoli. Mi chiedo se non sia possibile a tal proposito organizzare a breve un incontro tra i Comuni per discutere apertamente di tutto questo e trovarsi così tutti preparati, ognuno con le proprie rivendicazioni, quando ci dovremo nuovamente confrontare con la Regione».

4 settembre 2018

Info Autore

Fabrizio

Fabrizio Barabesi fbarabesi@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
settembre: 2018
L M M G V S D
« Ago    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto