Badanti dall’Est reclutate e sfruttate: ai domiciliari una donna di Rovello Porro

L'operazione è stata condotta dalla guardia di finanza di Varese

Reclutavano donne straniere, soprattutto dell’Est e le facevano lavorare come badanti in Lombardia e Piemonte, senza alcun rispetto delle norme. Un’attività illecita condotta dietro la “maschera” di una sedicente associazione no profit varesina, smascherata dalla guardia di finanza che ieri ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di nove persone, tra le quali una ucraina di 48 anni residente a Rovello Porro.

Gli arrestati sono accusati a vario titolo di intermediazione illecita del lavoro e favoreggiamento della permanenza sul territorio dello Stato di stranieri non regolari. Delle persone fermate, quattro sono in carcere e cinque, tra le quali la donna residente nel Comasco, sono ai domiciliari. L’operazione della finanza, chiamata “Badabene”, è il risultato di un’indagine portata avanti dai militari del nucleo polizia economico finanziaria di Varese che ha coinvolto anche le province di Milano e Torino.

L’organizzazione, secondo quanto accertato dagli investigatori, reclutava le aspiranti badanti, pretendeva una quota di 600 euro per l’iscrizione alla sedicente associazione no profit e poi fissava e gestiva gli appuntamenti con i potenziali clienti, accompagnando le donne ai colloqui nelle famiglie. Le badanti venivano fatte lavorare in nero, senza alcun rispetto delle norme su retribuzione, orario di lavoro, sicurezza, riposi, ferie e versamenti dei contributi. In attesa dei colloqui e dell’inizio dell’attività lavorativa, l’organizzazione metteva a disposizione delle donne alloggi in condizioni degradanti chiedendo da 5 a 8 euro al giorno.

La donna residente a Rovello Porro si occupava di trovare le famiglie nell’area della Bassa Comasca, per poi accompagnare le aspiranti badanti ai colloqui. Decine, secondo quanto ricostruito dalla guardia di finanza le donne dell’est che sono state fatte lavorare illegalmente. Nel periodo ottobre-dicembre 2018 l’organizzazione avrebbe piazzato oltre cinquanta badanti.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.