Banche svizzere, persi mille posti

Gli effetti della crisi
Anche le banche del Canton Ticino soffrono la crisi. Sono stati annunciati tagli all’Ubs e nella sede ticinese della banca Bnp Paribas. Meinrado Robbiani, segretario cantonale dell’Ocst, il sindacato cattolico, chiede con un comunicato che il processo di riassetto del settore bancario garantisca una tutela efficace dell’occupazione. «Le ricadute della crisi finanziaria – scrive Robbiani – la minore redditività e le pressioni internazionali sul segreto bancario lasciano intravvedere, anche per il futuro, un perdurante
 riassetto del settore che, dal profilo occupazionale, produrrà un ulteriore aggravamento della perdita già registrata di circa un migliaio di posti».

Paolo Annoni

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.