Banche: Abi, dati personali più protetti con progetto DEFeND

Iniziativa di Abi Lab per settore del credito

(ANSA) – ROMA, 20 MAR – Da fine marzo è pronta la nuova piattaforma per potenziare la sicurezza, la privacy, la protezione dei dati e dell’identità personale, sviluppata nell’ambito del Progetto “DEFeND – Data govErnance For supportiNg Gdpr” (General Data Protection Regulation). L’iniziativa è finanziata dalla Commissione nell’ambito del programma “Europe Horizon 2020”. Abi Lab, Centro di ricerca e innovazione per la banca promosso dall’Associazione bancaria italiana, ha partecipato alla realizzazione dell’iniziativa per l’ambito specifico del mondo bancario e finanziario. Il progetto è diretto a mettere a punto un sistema per identificare potenziali aspetti di sicurezza dei dati personali. Lo scopo è individuare le carenze in materia di protezione di queste informazioni e realizzare un sistema di supporto decisionale, che consenta di analizzare e correggere in maniera immediata ed efficace le questioni identificate. Di qui l’obiettivo di DEFeND di definire, progettare e sviluppare una piattaforma per supportare organizzazioni rappresentative di industrie e settori di riferimento verso la conformità alle linee operative della General Data Protection Regulation (Gdpr). Tra i comparti interessati anche quello bancario e finanziario La piattaforma DEFeNd è stata testata in ambienti operativi in varie aree: sanità, banche, energia e amministrazioni pubbliche locali. Abi Lab, partner dell’iniziativa insieme agli altri enti, ha contribuito all’analisi delle esigenze operative e tecnologiche che sono necessarie per l’attuazione e l’implementazione del progetto a livello bancario. In particolare, è stato identificato uno specifico gruppo di banche per analizzare e verificare i principali risultati dell’iniziativa attraverso lo svolgimento di un caso pilota. Abi Lab ha fornito anche un supporto concreto alle attività di diffusione, svolgendo un ruolo chiave nella promozione del progetto a livello europeo presso banche e istituzioni finanziarie di riferimento. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.