Bassone, polizia penitenziaria in agitazione

LA PROTESTA DEI SECONDINI
I sindacati della polizia penitenziaria hanno indetto ieri lo stato di agitazione nel carcere del Bassone di Como. Lo scopo, si legge in un comunicato, è «protestare contro la cattiva gestione dell’attuale direzione», incapace di far fronte al sovraffollamento della struttura lariana cui si assomma un organico carente. Negli ultimi mesi – si legge ancora nella nota dei sindacati – la direzione ha disposto «l’apertura delle celle detentive per un largo lasso di tempo nell’arco della giornata, senza un preventivo confronto serio e condiviso con le organizzazioni sindacali e senza una progettazione organica». Senza contare i «numerosi atti di aggressione da parte dei detenuti nei confronti del personale» degli ultimi mesi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.