Battaglia e Biondi, doppia personale a Milano

© | . . © | . .

Un  omaggio a un maestro imprescindibile, come Lucio Fontana, la mostra di due artisti lariani,  Doriam Battaglia, nome d’arte “Batt”, e Roberto Biondi, dal titolo “Concetti spaziali”. La doppia personale a cura di Massimiliano Bisazza  si può visitare – con ingresso libero – fino al 24 marzo  alla galleria “Statuto13” di via Statuto 13 a Milano. Apertura al pubblico: dalle ore 11 alle 19, dal martedì al sabato.  Due artisti a confronto che riescono a emozionarci seguendo percorsi completamente diversi possono esprime afflato creativo compenetrando le rispettive poetiche seppure si palesino con tecniche così distanti tra loro: Roberto Biondi è dotato di un certo purismo formale che è estrinsecato chiaramente dalle sue opere, più marcatamente scultoree, nonostante possano riportare spesso alla nostra attenzione visiva dei veri e propri quadri – anche se non sono realmente dipinti mostrano un’indagine tipicamente dadaista in cui il “ready made” scelto dall’artista ne è la riprova – ma dotati di quella tridimensionalità che proviene, di fatto, spiccatamente dall’arte della scultura. Opere tracciate su cartoni, altre su lamiere di alluminio e di rame, tagliano l’aria con composizioni acuminate, diagonali e linee rette mentre “preferiscono” – poeticamente parlando – stagliarsi nello spazio attorno ad esse. Da parte sua Doriam Battaglia ama riconoscersi sulle ampie tele ricche di cromature e di matericità pittorica, dove il colore è ben dosato sia nel suo peso sia nelle sue affinità tecniche, steso su ampie campiture che a loro volta sono ricche di pregevoli particolarismi volutamente ridotti e spesso ton sur ton. Presenta in questa mostra anche lavori più piccoli che rientrano nel suo universo cosmico che è alla base della sua poetica. Le sue “Frequenze” dello spettro visibile, particellari e molecole che compongono il nostro universo. Indaga oltremodo sul concetto della forma sferica – le sue “Immanenze” – che è l’archetipo di ogni forma, pre-esistente, perfetta  sfericamente ma illusoria, quindi paradossalmente imperfetta come simbolo.

© | . . © | . .

© | . . © | . .

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.