Bcc Brianza e Laghi operativa da dicembre

Una nuova banca con ben 6mila Soci, oltre 26mila clienti e 209 dipendenti divisi in 24 sportelli (8 nella provincia di Como, 9 in quella di Lecco e 7 in quella di Monza Brianza) operativa in ben 120 comuni (42 della provincia di Como, 47 della provincia di Lecco, 28 della provincia di Monza e Brianza, 2 della provincia di Milano e 1 della provincia di Bergamo).
Sono questi solo una parte dei numeri della Bcc (Banca di credito cooperativo) Brianza e Laghi, nata dalla fusione tra la Bcc dell’Alta Brianza e la Bcc di Lesmo. L’atto ufficiale è stato sottoscritto da lunedì davanti al notaio Massimo Caspani.
La fusione avrà efficacia dal prossimo 1° dicembre 2017 e da quel giorno tutti gli sportelli avranno la nuova denominazione.
Sempre sul fronte dei numeri, la Bcc Brianza e Leghi può contare su 1,7 miliardi di euro di montante (raccolta diretta e impieghi), 470 milioni di euro di raccolta indiretta, fondi propri per quasi 100 milioni di euro, un total capital ratio e un Tier 1 capital ratio del 15,44%.
Il progetto di fusione era stato autorizzato dalla Banca d’Italia il 22 settembre scorso ed è passato poi al vaglio delle assemblee dei soci delle due Bcc il 29 ottobre. La Bcc dell’Alta Brianza era stata infatti fondata nel 1953 mentre quella di Lesmo, con dimensioni più ridotte rispetto alla comasca, nel 1965. La fusione va incontro alle esigenze richieste dalle nuove normative promosse dalla Banca centrale europea che impongono di creare strutture di controllo di un certo livello all’interno di ogni banca e metterebbero in difficoltà le piccole realtà.

Articoli correlati