Bellagio capitale dell’acquerello

Manifestazioni – Dal 21 al 28 aprile 2012 nella “Perla del Lario” il festival dell’Aia con oltre 140 artisti da tutto il mondo
Il Lago di Como è una patria di elezione per gli appassionati di acquerelli. Sarà il richiamo ancestrale e archetipico delle onde, saranno le atmosfere romantiche evocate dalle montagne che si specchiano nelle acque profondissime, saranno i giochi cromatici e i riferimenti culturali e artistici che tutto ciò evoca.
Fatto sta che da sempre il lago pullula di acquerellisti. Anche celebri.
Infatti sono spesso citati dagli storici i 19 acquerelli realizzati da Winston Churchill nel settembre

1945 sul lago. Certo, quella dello statista inglese non fu una distensiva vacanza: pare che il vero scopo della sua missione fosse ben altro, e cioè recuperare il suo compromettente carteggio con Benito Mussolini. Il premier britannico, comunque, era un estimatore di questa tecnica artistica. E sarà cosmopolita anche la terza edizione del Festival internazionale della pittura ad acquerello che si svolgerà nella “Perla del Lario”, e cioè Bellagio, a cura dell’Associazione Italiana Acquerellisti (Aia) di Milano, dal 21 al 28 aprile 2012.
«Il festival è basato sulla partecipazione delle associazioni di acquerellismo e non di singoli artisti – spiega uno dei promotori, Angelo Gilardoni, che cura il sito Internet dell’Aia – È un avvenimento internazionale che interessa tutta la rete mondiale delle associazioni di acquerellismo. Le due edizioni precedenti hanno avuto buon successo di pubblico proprio per le opere presentate, abbiamo avuto 130 acquerellisti per ciascuna edizione e per il 2012 contiamo di crescere oltre i 140. Tra l’altro la terza edizione sarà corredata anche dal “Primo premio internazionale della pittura ad acquerello”. Mercoledì scorso, a testimonianza che il festival cresce, abbiamo ricevuto le adesioni dell’associazione cinese e di quella brasiliana. E avremo ospiti da Sud America, Sudafrica, Nuova Zelanda e Australia».
L’iniziativa che ha il supporto del Comune di Bellagio vedrà in campo 70 acquerellisti italiani dell’Aia (che conta in tutto 170 soci selezionati da un’apposita commissione).
Si parteciperà – le iscrizioni però sono già chiuse – presentando un’opera di dimensione massima 56 x 76 centimetri. E gli artisti si esibiranno inoltre in una gara estemporanea di pittura con opere ispirate al paesaggio locale che saranno esposte nella prestigiosa cornice del Grand Hotel Villa Serbelloni di Bellagio. E ci saranno anche tour per realizzare dipinti dal vero in luoghi ameni del Lario come Villa Carlotta a Tremezzo. Gli acquerelli rimarranno in mostra nella “Torre delle Arti”, la nuova casa della cultura di Bellagio, dal 21 aprile al 6 maggio. Una grande opportunità di marketing turistico attraverso l’arte, quindi, come documentano le moltissime vedute ispirate dalle bellezze di Bellagio e del Lago di Como ospitate sul sito dell’associazione.

Lorenzo Morandotti

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.