Sport

Bianchetti e l’Under 21 qualificati a Euro 2015

altDecisivo il successo contro la Slovacchia Il lariano è il capitano degli “azzurrini”
Tanta sofferenza, ma alla fine l’obiettivo è stato raggiunto. La Nazionale Under 21 di capitan Matteo Bianchetti – comasco doc – è riuscita a battere la Slovacchia (3-1) nell’incontro di ritorno per la qualificazione alla fase finale degli Europei 2015.
L’obiettivo che gli “azzurrini” si erano posti è stato raggiunto e ora l’Italia può continuare a puntare, oltre che al trofeo continentale, anche alla qualificazione alle prossime Olimpiadi di Rio. Un pass che si otterrà chiudendo

tra le prime quattro agli Europei.
Una sfida sofferta, si diceva, quella giocata a Reggio Emilia. In vantaggio per 2-0, l’Italia ha subito il gol del 2-1.
L’eventuale 2-2 avrebbe dato la qualificazione agli slovacchi. E il patatrac è stato rischiato, in una azione con Bianchetti involontario protagonista perché nel finale l’arbitro ha fischiato un rigore a favore degli ospiti, proprio per l’atterramento dello slovacco Schranz ad opera del difensore lariano.
Lo stesso direttore di gara ha però cambiato idea dopo essersi consultato con il guardalinee e ha semplicemente concesso un calcio d’angolo. Decisione che ha fatto imbufalire gli ospiti e che alla fine ha incanalato il match a favore degli azzurri che hanno poi segnato il 3-1 finale, mentre gli avversari hanno terminato la partita in nove.
Alla fine Bianchetti ha liquidato velocemente l’episodio: «Non ho toccato l’avversario – ha detto – che si è tuffato. Non era rigore».
All’intervallo, intervistato durante la diretta della Rai, Carlo Tavecchio, comasco e presidente della Figc, aveva avuto parole di elogio per la squadra Under 21: «C’è un bel gruppo di ragazzi – ha commentato – che possono avere buone prospettive con la Nazionale maggiore».
E la speranza è che Bianchetti, che con l’Under 21 è protagonista da anni, possa trovare un posto fisso anche in serie A, visto che nella sua attuale squadra, l’Empoli, finora non è stato molto utilizzato. La stessa sorte che gli era capitata lo scorso anno quando era al Verona. Infatti al mercato di gennaio il difensore – che ha iniziato la sua carriera nel Como – finì in prestito allo Spezia.

Massimo Moscardi

Nella foto:
Carlo Tavecchio
15 ottobre 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto