Bimba morta in un incidente stradale: patteggiano in tre. Anche i genitori davanti al giudice
Cronaca

Bimba morta in un incidente stradale: patteggiano in tre. Anche i genitori davanti al giudice

Un passaggio inevitabile e ulteriormente doloroso, un anno e mezzo dopo il dramma che aveva colpito un padre e una madre che percorrevano in auto – con in braccio la loro bambina di appena 16 mesi – le strade di Vighizzolo.
I genitori ieri mattina hanno patteggiato la pena di un anno e 4 mesi di fronte al giudice dell’udienza preliminare di Como, stesso accordo raggiunto dal 35enne che viaggiava sull’altra auto coinvolta nell’incidente mortale.
La piccola, che era in braccio alla madre su una vettura dove non c’era alcun sedile di quelli previsti per legge, era rimasta ferita in modo serio dopo l’impatto e per lei ogni tentativo di soccorso effettuato direttamente sul posto dal 118 era stato vano. Tre, come detto, le persone che hanno risposto in Tribunale per quell’incidente mortale avvenuto in una serata di pioggia e poca visibilità: papà e mamma (non ancora trentenni) che si trovavano sulla Y10 e un operaio canturino di 35 anni al volante di una Skoda Fabia. Quest’ultimo venne arrestato dai carabinieri della compagnia di Cantù subito dopo l’incidente: i militari riscontrarono una percentuale di alcol nel sangue superiore a quella consentita per legge: 1,38 contro lo 0,50 previsto dalla norma.
Il dramma di Vighizzolo risale alla mezzanotte tra il 2 e il 3 maggio del 2017.
I genitori della piccola furono chiamati a rispondere dell’accaduto perché dopo l’indagine effettuata, i carabinieri verificarono non solo l’assenza (come detto) del seggiolino per la piccola che avrebbe potuto evitare quelle drammatiche conseguenze, ma anche che l’auto stava circolando in assenza dei requisiti previsti dalla legge essendo sottoposta a fermo amministrativo.
Nel fascicolo in Procura (coordinato dal pm Antonio Nalesso) confluirono dunque tre nomi che ieri mattina hanno definito la posizione davanti al giudice di Como raggiungendo un accordo sulla pena a un anno e quattro mesi.

3 Ott 2018

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto