Blitz antidroga in classe, 11 minorenni colti sul fatto

altScuola malata
Coca, marijuana e hashish: coinvolti in tutto 16 studenti. Gli istituti sarebbero Ripamonti e Leonardo

Sedici studenti, in gran parte minorenni, sono stati trovati in possesso di droga a scuola, durante le lezioni. Le sostanze stupefacenti, marijuana e hashish ma anche cocaina, sono state scoperte dai militari della guardia di finanza di Como nell’ambito di un blitz a sorpresa in due istituti del capoluogo. Le fiamme gialle sono entrate in azione con l’ausilio dell’unità cinofila.
L’attività antidroga era stata richiesta direttamente dai dirigenti scolastici nell’ambito di un progetto

di prevenzione dell’uso di stupefacenti. Gli istituti coinvolti, secondo quanto emerso già nei giorni scorsi, sarebbero Ripamonti e Leonardo da Vinci. Le fiamme gialle sono intervenute a scuola a sorpresa e senza alcun preavviso con l’ausilio dell’unità cinofila del gruppo di Ponte Chiasso.
I controlli hanno riguardato soprattutto le classi quarte e quinte. Inquietante l’esito del blitz. Complessivamente, sono sedici gli studenti che nascondevano in cartella o negli abiti sostanze stupefacenti. Tra questi, ben 11 non avevano neppure 18 anni. In tutti i casi comunque le fiamme gialle hanno coinvolto le famiglie dei ragazzi. Secondo quanto trapelato, i genitori sono apparsi ben più preoccupati e sconcertati dei figli.
Tra i giovanissimi trovati in possesso di droga, sette, sei dei quali minorenni, sono stati “solo” segnalati in prefettura come consumatori perché avevano una quantità ridotta di hashish o marijuana. Per altri nove, invece, che nascondevano sostanze stupefacenti «oltre la modica quantità», è scattata la denuncia all’autorità giudiziaria per detenzione. Cinque tra questi studenti erano minorenni ed è stato dunque coinvolto il Tribunale dei minori di Milano.
Gli uomini della fiamme gialle della compagnia di Como, coordinata dal comandante, il capitano Luigi Iannettone, hanno sequestrato complessivamente oltre 200 grammi di marijuana, 10 di hashish ma anche uno di cocaina. In quest’ultimo caso, non è stato identificato il possessore, che è riuscito a sbarazzarsi della droga prima dell’ingresso in classe delle fiamme gialle. Il fiuto dei cani antidroga ha permesso comunque di individuare anche questa sostanza.
Dopo il blitz a scuola, l’indagine prosegue per accertare un’eventuale attività di spaccio riconducibile ai ragazzi trovati in possesso di quantitativi di droga ben oltre l’uso personale.

Anna Campaniello

Nella foto:
A destra, un cane antidroga con il suo addestratore durante una dimostrazione in una scuola media di Como a cura della guardia di finanza. A sinistra, l’istituto Ripamonti (foto Sergio Baricci). Gli uomini delle fiamme gialle della compagnia di Como sono stati coordinati dal comandante, il capitano Luigi Iannettone

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.