Blitz nella villa bunker: in manette 30enne di Novedrate

20p07f23Maxi operazione della Finanza e dei carabinieri di Brescia con arresti in tutta Italia. In una intercapedine della cucina della dimora lariana erano occultati droga, pistole, munizioni, sciabole e denaro contante

Nella villa di Novedrate, in una intercapedine della cucina, hanno trovato di tutto. Non solo droga (sette chili), ma anche pistole (4), munizioni, un’arma che emette scariche elettriche e una sciabola giapponese, nonché contanti (3.200 euro). In manette, nell’ambito di un blitz volto a sgominare i traffico internazionale di stupefacenti, è così finito un 30enne definito dagli inquirenti come un “soggetto con la funzione di grossista” della droga nonché “nipote di una persona ai vertici della ’ndrangheta Lombarda”. 
 C’è anche la nostra provincia, e la villa bunker di Novedrate, nell’ambito della maxi retata della guardia di finanza e dei carabinieri di Brescia che tra la scorsa notte e la mattinata di oggi ha portato all’emissione di 43 ordinanze di custodia cautelare in carcere (tra cui il lariano), 8 custodie cautelari ai domiciliari, tre obblighi di dimora, nonché a 80 ordini di perquisizioni e all’iscrizione sul registro degli indagati di 98 persone. Una operazione nata dalle dichiarazioni di un pentito che temeva per la propria vita. La droga arrivava soprattutto dal Sud America e veniva stoccata da più “grossisti”, tra cui il 30enne di Novedrate.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.