Blitz tra chi acquista oro, sette bilance non in regola

Operazione dei carabinieri in 26 esercizi in provincia
Sette bilance non in regola utilizzate in quattro negozi del capoluogo. È il risultato dei controlli a tappeto effettuati nei giorni scorsi dai carabinieri in 26 rivendite di oro dell’intero territorio provinciale. L’operazione, che ha l’obiettivo di scongiurare truffe ai cittadini, proseguirà anche nei prossimi giorni, con verifiche concentrate soprattutto sulla provenienza della merce venduta.
Il servizio è stato effettuato in collaborazione dai militari di tutte le stazioni
dell’Arma della provincia e ha interessato i negozi specializzati nell’acquisto e rivendita di preziosi. I carabinieri hanno verificato la regolarità dei registri, della procedura di pesatura degli oggetti e degli strumenti. Le bilance utilizzate in questi negozi devono essere approvate in base a una rigorosa procedura legale. Normativa alla mano, questi strumenti devono essere dotati di un dispositivo di livellamento e collocate in modo tale da consentire all’acquirente la visione libera e immediata del dispositivo indicatore del peso e dell’intera parte frontale della bilancia stessa. In quattro esercizi del capoluogo, i carabinieri hanno individuato sette bilance non in regola. In tutti i casi, il problema riguardava la verifica dello strumento, una sorta di revisione. Nel dettaglio, una aveva la verifica scaduta, un’altra la richiesta di controllo non ancora effettuata, mentre in cinque casi i proprietari degli strumenti non avevano mai chiesto la verifica. A seconda della situazione, per i commercianti sono arrivate sanzioni amministrative tra i 51 e i 309 euro.

Anna Campaniello

Nella foto:
Le bilance di chi acquista preziosi vanno sottoposte a periodiche revisioni

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.