Borsa: Milano debole con Europa, positiva Generali

Corre Bper

(ANSA) – MILANO, 24 SET – Ultima seduta della settimana senza grandi scosse per Piazza Affari, stretta tra qualche tensione sui titoli di Stato e l’attesa per il discorso del presidente della Fed Powell che comunque alla fine non ha fornito grandi segnali sul prossimo piano di riduzione dell’acquisto di titoli: l’indice Ftse Mib ha chiuso in ribasso dello 0,43% a 25.968 punti, l’Ftse in calo dello 0,46% a quota 28.554. Ribassi generalizzati ma contenuti anche per tutte le altre Borse europee, con Londra che ha concluso in calo dello 0,36%, mentre Parigi è scesa dello 0,95% e Francoforte dello 0,72%. Lo spread tra Btp e Bund tedeschi a 10 anni ha invece chiuso in aumento a 100,8 punti base rispetto ai 98 punti dell’avvio, ma in corso di giornata ha toccato anche quota 102, con un rendimento finale del prodotto del Tesoro allo 0,779%. Tra i principali titoli di Piazza Affari, il peggiore è stato quello di Diasorin, sceso del 3,6% finale a 195 euro, seguito da Terna (-3,1%) e Snam, che ha ceduto tre punti percentuali. Generalmente calme le banche, mentre Generali dopo il blitz di Mediobanca (+0,2%), che con un prestito titoli è salita a oltre il 17% dei diritti di voto, ha registrato discreti acquisti con un rialzo finale dell’1,1% a 18,3 euro. Ma il gruppo a elevata capitalizzazione migliore è stato indubbiamente Bper, con un aumento del 2,4% dopo l’annuncio del piano che prevede anche un taglio del costo del lavoro. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.