Borsa: Milano debole con petrolio, male Pirelli e Moncler

Banche in ordine sparso. Giù Diasorin

(ANSA) – MILANO, 22 LUG – Chiusura debole (-0,6%) per Piazza Affari, in un’Europa che frena dopo l’ottimismo per il Recovery Fund, mentre il rapporto deficit-Pil dell’Eurozona nel primo trimestre mostra un +2,2% causa coronavirus, l’Italia prepara il via libera al nuovo scostamento di bilancio. Spread sceso a 152,7 e tra le banche positive Fineco (+1,5%) e Unicredit (+0,1%), ceduti altri npl. Non Ubi e Intesa (-0,4%) mentre continua il l’offerta dell’Ops. Brillante Mps (+6,8%) con le ipotesi di risiko. Tra i petroliferi, col greggio a 41,9 dollari al barile), giù Tenaris (-2,2%) e Eni (-2,4%), scontando anche la richiesta di carcere per l’ad Descalzi e l’ex Scaroni per presunte tangenti in Nigeria. Giù Moncler (-2,6%) coi nuovi contagi a Hong Kong, Diasorin (-1,8%), indagati i vertici per i sierologici a Pavia, e Atlantia (-1,3%) con la trattativa sulle concessioni. Giù Enel (-1,6%), Fca (-0,8%) con perquisizioni a Torino e Pirelli (-2,9%), Mediaset (-0,1%) col Tar che ha respinto l’istanza Vivendi. Su Buzzi (+3,3%) e A2a (+2,7%), Poste e Prysmian (+0,9%). (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.