Bosnia: Mladic, legale e figlio fiduciosi su assoluzione

Domani all'Aja sentenza di appello dopo ergastolo in primo grado

(ANSAmed) – BELGRADO, 07 GIU – Il legale di Ratko Mladic si è detto fiducioso sulla sentenza d’appello attesa per domani all’Aja, affermando che se i giudici hanno preso in esame attentamente gli argomenti della difesa, l’ex capo militare dei serbo-bosniaci o sarà assolto o verrà disposto a suo carico un nuovo processo. "Mi aspetto una sentenza di assoluzione o almeno la ripetizione del processo, se i giudici in appello avranno esaminato le nostre argomentazioni. Se sarà così, non ho dubbi che la decisione sarà cambiata", ha detto alla Tanjug l’avvocato Branko Lukic, difensore di Mladic. In primo grado nel novembre 2017 l’ex generale fu stato condannato all’ergastolo per crimini di guerra e contro l’umanità, in particolare per il genocidio di Srebrenica e l’assedio di Sarajevo durante il conflitto armato in Bosnia del 1992-1995. Per Lukic, se in campo vi sarà di nuovo la politica, allora non c’è da aspettarsi una sentenza, ma un "proclama politico". In primo grado infatti, a suo avviso, i giudici decisero di non prendere in considerazione gli elementi e gli argomenti della difesa. Domani l’avvocato Lukic non sarà presente all’Aja per la sentenza di appello. Anche il figlio dell’ex generale, Darko Mladic, ha detto oggi di aspettarsi l’assoluzione del padre, ed una "maggiore integrità professionale" da parte dei giudici d’appello. Darko ha detto che suo padre sarà domani in aula al momento della sentenza nonostante le precarie condizioni di salute, affiancato da una assistente legale. Lui stesso, ha aggiunto il figlio, si recherà oggi all’Aja per seguire il pronunciamento del verdetto, al termine del quale potrà incontrare il padre per un’ora. A emettere la sentenza d’appello sarà il Meccanismo residuale internazionale per i tribunali criminali, l’organismo che negli anni scorsi ha preso il posto all’Aja del Tribunale penale internazionale per i crimini nella ex Jugoslavia (Tpi). (ANSAmed).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.