Botte e cinghiate al figlio piccolo: i genitori a processo negano le accuse
Cronaca

Botte e cinghiate al figlio piccolo: i genitori a processo negano le accuse

Il tribunale di Como Il tribunale di Como

Una mamma ucraina di 37 anni e il marito italiano di 54 anni, sono a processo per maltrattamenti in famiglia e lesioni sul figlio di lei avuto prima di trasferirsi in Italia e sposarsi. Il piccolo, in età da scuola elementare, vive da tempo in una comunità protetta della provincia di Como.

Nel corso dell’incidente probatorio che si è tenuto i mesi scorsi in tribunale, avrebbe riferito di quanto avveniva in casa che è poi confluito nel capo d’imputazione. Una storia da brividi, quella che si legge, con calci, pugni, cinghiate, punizioni dove il bambino doveva inginocchiarsi sui semi di grano saraceno oppure, per scoraggiare il racconto dei fatti ad altre persone, chiudersi dentro ad una valigia.

Una storia emersa in seguito ad un livido su una gamba notato da una vicina di casa del bambino e pure dal parroco del paese dove la famiglia vive. Le indagini hanno poi portato, come detto, a sentire il bambino in forma protetta, a sentire i vicini di casa e anche le maestre della scuola che mai si erano accorte di nulla.

I genitori, assistiti dall’avvocato Davide Arcellaschi, raccontano però un’altra storia ben diversa da quella del figlio. Riconoscono il livido alla gamba come causato dal padre («con un calcio») ma negano tutte le altre accuse, le cinghiate, i semi, la valigia eccetera. La storia è approdata in un’aula dibattimentale. Il prossimo mese di giugno ci sarà la discussione e la sentenza. Il bambino intanto rimane in una struttura protetta fuori dalla famiglia. 

27 gennaio 2018

Info Autore

Mauro

Mauro Peverelli mpeverelli@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto