Botte fuori dalla discoteca: 40enne a processo

MA GLI ATTI TORNANO IN PROCURA
La vicenda doveva chiudersi dal giudice di pace. Poi, è finita di fronte al giudice monocratico. Ora, potrebbe fare capolino all’interno di una udienza preliminare. Questa insolita escalation ha per oggetto una rissa scoppiata a Cermenate all’esterno di un locale. Un 40enne di Como (difeso dal legale Alessandro Figini) è infatti finito a processo in quanto ritenuto essere uno degli autori – l’unico identificato – del pestaggio
ai danni di due dominicani. In un primo momento, le botte parevano senza aggravanti (per questo doveva approdare dal giudice di pace), poi è emerso l’utilizzo di una mazza da baseball (da qui il giudice monocratico). Ieri in aula il nuovo colpo di scena: la prognosi dei dominicani – sentiti come testi – era superiore ai 40 giorni. Il pm ha quindi chiesto la contestazione di “lesioni gravi” e il fascicolo è tornato in Procura per passare poi eventualmente dall’udienza preliminare. L’imputato, per la cronaca, si è sempre dichiarato innocente: per lui a picchiare i dominicani furono dei connazionali che attendevano fuori dal locale. I fatti sono addirittura del 31 dicembre 2006.

Mauro Peverelli

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.