Bracciante, capi ci chiamavano ‘animali’

Verbale

(ANSA) – MILANO, 26 AGO – "Mi ha detto che siamo dei poveracci africani che non hanno niente, poi mi ha spintonato violentemente provando a buttarmi fuori dall’ufficio e mentre mi spingeva continuava a venirmi sulla faccia e continuava ad urlare e sputacchiarmi in faccia". E’ il racconto del trattamento ricevuto da uno dei ‘capi’ di Mohamed, uno dei circa 100 braccianti extracomunitari secondo la procura di Milano sfruttati e pagati 4,5 euro all’ora. Il verbale è agli atti dell’inchiesta che un paio di settimane fa ha portato al sequestro di StraBerry, l’azienda modello nel milanese con serre fotovoltaiche per coltivare fragole, mirtilli, lamponi e more e a indagare 7 persone tra cui il fondatore Guglielmo Stagno d’Alcontres. Lo straniero, riferendosi in particolare a due dei capi, ha spiegato che "erano molto offensivi, sempre, usavano parole come coglione, negro di merda, animali". (ANSA)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.