Bregnano, arrestato affiliato a pericolosa gang americana

Carabinieri

Lo chiamano “esercito dei bambini”. Sono le Mara Salvatrucha, gang criminali nate a Los Angeles tra giovanissimi immigrati dall’El Salvador e oggi con ramificazioni non solo negli Stati Uniti, ma pure in Canada, Messico, in America centrale, Spagna e Pure in Italia, tra Milano e Genova, dove si sono verificate in passato alcune aggressioni e rapine.
Ieri all’alba è stato arrestato in un appartamento di Bregnano dai carabinieri della stazione di Cermenate un uomo di 33 anni, originario del Salvador, ricercato in mezzo mondo proprio per associazione a delinquere e affiliazione a questi pericolosi gruppi criminali, che sono stati ben descritti nel film “La vida loca” del fotogiornalista francospagnolo Christian Poveda, poi assassinato in El Salvador nel settembre del 2009.
L’arresto di Bregnano è un’iniziativa dell’Interpol mirata a localizzare alcuni salvadoregni emigrati dagli Stati Uniti e appartenenti alle “Gang”, denominate MS13 (Mara Salvatrucha 13) e 18th Street Gang (l’esercito dei bambini).
La rete di sicurezza statunitense aveva segnalato la presenza in Italia di una di queste persone, il 33enne Luis Alonso Rodriguez Hernandez. Il riscontro dei dati con le forze dell’ordine italiane ha consentito di individuare il latitante.
Ieri, prima dell’alba, sono così scattate le manette in un appartamento di via Garibaldi a Bregnano.
Il 33enne è ora al Bassone, in attesa dell’avvio delle procedure di estradizione. Le gang di salvadoregni, conosciute anche come “Barrio 18” o “Pandilla 18” sono tra le più forti e influenti organizzazioni criminali transnazionali multietniche che operano negli Stati Uniti e in Europa. Si stima che contino su almeno 50mila affiliati. La banda è nota anche come “Esercito dei bambini” a causa dell’ingaggio di membri in età giovanissima, reclutati anche alle scuole elementari e medie. Gli affiliati si sono resi responsabili di reati contro il patrimonio, omicidi ed estorsioni.
Un sottobosco di criminalità che garantiva a Los Angeles soldi e potere attraverso lo spaccio, le estorsioni, i furti d’auto e pure gli omicidi. Secondo l’Fbi le mara sono le gang di strada più pericolose del mondo. Gli affiliati hanno tatuaggi sulle mani e sul volto. Nella gang esiste una stretta gerarchia e chi non rispetta le regole finisce male. Per entrare in una mara si devono superare prove pesantissime, come pestaggi violenti e stupri di gruppo per le ragazze affiliate.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.