Bresciani presenta il suo libro a Menaggio

Venerdì prossimo
Venerdì 19 settembre, alle ore 18, sarà presentato a Menaggio, alla Libreria Sampietro, in via Lusardi 30, “Il cantico del pesce persico”, l’ultimo libro dello scrittore comasco Giuseppe Bresciani.
«L’opera magnifica l’anima di un territorio: Como e il suo lago» spiega l’autore. «La narrazione si sviluppa attraverso dieci scomparti scenografici, dieci racconti avvincenti», aggiunge Bresciani.
L’autore è nato a Como nel 1955, ama definirsi «libero pensatore». Ex imprenditore

, da anni si dedica alla scrittura. Con lo pseudonimo Astor ha pubblicato i romanzi “Ecce me domine” (2008) e “Il Vangelo cosmico” (2010). Col suo vero nome ha firmato “L’inferno chiamato Afghanistan” (2012), cronaca di un viaggio ai limiti dell’umanità.
Nel libro “Cantico del pesce persico” si fa cantore innamorato e orgoglioso delle proprie radici.
La narrazione si sviluppa attraverso dieci scomparti scenografici, dieci racconti avvincenti. Nel “Quarto cavaliere” infuria la peste. De “Il falco del Baradello” è protagonista Napo Torriani, condannato a marcire in una gabbia appesa dopo essere stato vinto in guerra. “Viva Garibaldi, viva l’Italia” si svolge nella gloriosa giornata della battaglia di San Fermo.
“L’uomo che intratteneva i morti” è la surreale epopea di un uomo comune che scopre di avere il dono di divertire le anime dei defunti. “Il cantico del pesce persico” oscilla fra il realismo e l’afflato ora lirico ora mistico del lago. “Undici leoni” è un omaggio al gioco più bello del mondo.
“Quando Cesare onorò Alessandro” testimonia gli ultimi giorni di vita di Alessandro Volta. “La voce strozzata” ci riporta ai giorni della Roma imperiale. Ne “La profezia”, Leonardo da Vinci, recatosi a Como al seguito della corte sforzesca, vive un’esperienza sovrannaturale. Infine, “Il tesoro di Giacobbe Levi” esalta un giusto che insegue il passato sepolto in una vecchia scatola di latta e che, sfidando i fantasmi dell’olocausto, lo trova e insieme ritrova se stesso.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.