Budapest, no ai diktat di Bruxelles su educazione e Lgbt

Ministra Varga

(ANSA) – BERLINO, 01 LUG – "Nessuno dovrebbe permettere di forzare i genitori ungheresi ad accettare che i loro figli possano ricevere un’educazione sessuale senza il loro esplicito consenso". È quello che scrive in una lettera all’Europa la ministra della giustizia ungherese Judit Varga. "Bruxelles non può dettare ai genitori ungheresi come educare i loro figli", aggiunge, difendendo la controversa legge sui Lgtb. "La norma giuridica, criticata dalla Commissione, tratta solo il modo di educare i figli minori", sottolinea la ministra. Secondo il governo ungherese, i minori devono essere difesi nelle scuole, nel rapporto coi media, e su internet da contenuti non idonei alla loro età sul tema della sessualità. "Fornire ai bambini educazione sessuale è competenza unicamente dei genitori, per questo la legge vieta ogni propaganda che contenga informazioni sulla sessualità", insiste Varga, aggiungendo poi che lo Stato non si immischia, invece, nella vita sessuale dei maggiorenni. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.