Bufera in casa Lega, a Cantù revocato l’assessore Molteni

Provvedimento del sindaco
«Una decisione presa per la mancanza di una comune identità di intenti, nell’esaminare e risolvere le questioni del Comune». Questa, in un comunicato diffuso agli organi di stampa, la motivazione della scelta del sindaco di Cantù, Tiziana Sala, che ieri ha deciso di revocare l’incarico di assessore a Simone Molteni, peraltro suo compagno di partito, la Lega Nord.
I contrasti tra Tiziana Sala e Simone Molteni sono sorti su un contrasto relativo al piano urbanistico del traffico

, in particolare su una richiesta del primo cittadino, non condivisa dall’assessore, di chiedere ad Asf Autolinee di spostare il capolinea dei bus in piazza Marconi e di farlo tornare al sabato in piazza Parini, per consentire al mercato il suo svolgimento.
Un disaccordo, tutto in casa del Carroccio, che alla fine è sfociato con la la revoca. «È venuto meno il necessario rapporto di fiducia che lega il sindaco al suo assessore», si conclude il documento inviato agli organi di stampa da Tiziana Sala.
Molteni a Cantù era assessore a Partecipate e risorse idriche, trasporti, viabilità, mobilità e cura del patrimonio storico.

Massimo Moscardi 

Nella foto:
Tiziana Sala, sindaco di Cantù

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.