Burocrazia nella sanità

Andirivieni per l’esame del sangue
Sono un ragazzo disabile al 100%  e, dovendo fare delle analisi del sangue, mi sono rivolto all’Asl del mio paese per un appuntamento a domicilio. Mi è stato detto che dovevo andare all’Asl di un altro paese, per prendere una dichiarazione da portare al medico per attestare l’invalidità e riportarla poi in quel secondo Comune che non è il mio.
Contattata, l’assistente sociale mi ha detto che portando una richiesta medica in municipio, in pochi giorni sarebbe arrivata l’infermiera per il prelievo. Insomma, questa burocrazia non aiuta i cittadini nemmeno in un settore importante come la sanità.
Gianni Noli

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.