Bus turistici, regole più rigide, ordinanza e nuovi cartelli in arrivo

(p.an.) Il problema è stato risolleva di recente proprio da queste colonne. Gli autisti degli autobus turistici non rispettano le regole in zona stadio e in piazza Roma. Il Comune di Como ha scelto di correre subito ai ripari, con una ordinanza e dei nuovi cartelli.
Le novità non sono di sostanza, come aveva anticipato l’assessore alla Mobilità, Vincenzo Bella, ma chiariscono alcune situazioni. Il flusso dei pullman turistici è infatti aumentato notevolmente. L’ordinanza della polizia locale vuole combattere le soste prolungate e inoperose lungo viale Vittorio Veneto, nel tratto da viale Rosselli e via Corridoni, in piazza Roma, nonché in piazza Cavour, nel tratto da via Giovini a via Fontana.
Le aree per la salita e la discesa dei turisti, con relativo scarico dei bagagli sono indispensabili, ma tali devono essere e non trasformarsi in parcheggio, come sottolinea l’ordinanza.
In particolare la nuova ordinanza prevede in piazza Roma, nel tratto da via Giovini a piazza Grimoldi, il divieto di sosta permanente con rimozione forzata dei veicoli, eccetto i bus turistici, limitatamente alle operazioni di carico e scarico passeggeri, lo stesso in viale Vittorio Veneto in corrispondenza con via Corridoni, mentre nel tratto da viale Rosselli a viale Sinigaglia non è possibile sostare in alcun modo. La sota prolungata dei bus turistici, a pagamento attraverso un parcometro, è confermata in via Regina Teodolinda, lungo le mura della dogana commerciale. La durata massima della sosta è di 4 ore, nella fascia oraria dalle 8 alle 20 compresi i giorni festivi.
Tutte le prescrizioni, come anticipato entreranno in vigore a giorni, ovvero dopo l’installazione della segnaletica dedicata.

Articoli correlati