Butti: «Parole gravissime. Il Tavolo per la competitività e il sindaco ne prendano atto»

altLa replica

(e.c.) «Le affermazioni dell’assessore Spallino, uno dei più forti della giunta di Como, sono gravissime. Ora sarebbe bene che il sindaco e anche gli attori del Tavolo per la competitività ne prendessero atto e dessero risposte concrete». Il consigliere comunale Marco Butti (Fratelli d’Italia) era stato il primo, nel novembre scorso, a rivolgersi direttamente all’assessore all’Urbanistica per proporre alcune iniziative in vista di Expo 2015. Ora, a fronte delle

dichiarazioni di Spallino, non esita a sottolinearne il peso politico. «Di fronte a questa presa di posizione di un esponente forte del suo esecutivo – afferma Marco Butti – mi auguro che Lucini non si rifugi dietro scuse per non affrontare il tema sollevato. Peraltro, non mi stupisce che nessun assessore abbia la delega all’Expo, visti i risultati ottenuti finora sui fronti del turismo e della cultura. Anche il Tavolo della competitività – aggiunge – che riunisce il mondo istituzionale, dovrebbe cominciare a fare squadra concretamente».
Nel 2013, Butti propose all’assessore all’Urbanistica alcune idee per preparare Como all’esposizione universale. Tra queste, «la valorizzazione del waterfront della città» con la «riqualificazione del percorso ideale che da viale Geno, passando dall’area dei giardini a lago, e che attraverso la passeggiata di Villa Olmo prosegue sino a Villa del Grumello». Ipotizzata «una collaborazione con Orticolario con un progetto biennale per migliorare il verde in tutta l’area». Suggerita anche la valorizzazione del percorso Casa del Fascio-Teatro Sociale-Broletto-piazza Volta-Tempio Voltiano, oltre all’installazione di «info-point multimediali», la realizzazione di un sito dedicato e di una app gratuita per gli smartphone.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.